Regione Veneto

Disposizioni Anticipate di Trattamento (DAT)



Il 31 gennaio 2018 è entrata in vigore la legge sul “biotestamento”, ossia la Legge 22 dicembre 2017 n. 219 recante “Norme in materia di consenso informato e di disposizioni anticipate di trattamento (DAT)”.

Tale legge, nel rispetto degli artt. 2, 13 e 32 della Costituzione e degli artt. 1, 2 e 3 della Carta dei diritti fondamentali dell'Unione Europea, mira a tutelare il diritto alla vita, alla salute ma soprattutto alla dignità ed alla autodeterminazione della persona secondo il principio che nessun trattamento sanitario può essere iniziato o proseguito se privo del consenso libero ed informato della persona interessata.

La legge stabilisce che ogni persona maggiorenne e capace di intendere e volere, in previsione di un'eventuale futura incapacità di autodeterminarsi, dopo aver acquisito adeguate informazioni mediche sulle conseguenze delle sue scelte, possa, attraverso apposite disposizioni anticipate di trattamento (DAT), esprimere le proprie volontà in materia di trattamenti sanitari, nonché il consenso o il rifiuto nei confronti di accertamenti diagnostici o scelte terapeutiche e di singoli trattamenti sanitari, indicando altresì un eventuale “fiduciario”, che ne faccia le veci e la rappresenti nelle relazioni con il medico e con le strutture sanitarie.
 
COME  SI  ESPRIMONO  LE  DAT
Le DAT (Disposizioni Anticipate di Trattamento) devono essere redatte per atto pubblico o per scrittura privata autenticata ovvero per scrittura privata consegnata personalmente dal disponente presso l'Ufficio di Stato Civile del Comune di residenza del disponente medesimo.
In particolare, si evidenzia che l’Ufficio di Stato Civile:
  1. è legittimato a ricevere esclusivamente le DAT consegnate personalmente dal disponente residente nel Comune, recanti la sua firma autografa;
  2. non è legittimato a ricevere le DAT recate da disponenti non residenti e nemmeno da incaricati;
  3. non partecipa in alcun modo alla redazione delle disposizioni né fornisce informazioni o avvisi in merito al contenuto della stessa, dovendo limitare il suo operato al controllo dell'identità ed alla residenza del disponente/consegnante.
Inoltre:
  • all'atto della consegna, l'Ufficiale di Stato Civile fornirà al disponente formale ricevuta di deposito;
  • le DAT vengono registrate e conservate dall'Ufficio di Stato Civile del Comune di residenza e possono essere modificate o revocate in qualsiasi momento;
  • le DAT, previo consenso da parte del disponente, vengono inoltre trasmesse tramite pec alla Banca Dati Nazionale istituita presso il Ministero della Salute.
 
IL  FIDUCIARIO
Le DAT devono contenere l'indicazione di una persona di fiducia (cosiddetto “fiduciario”), maggiorenne e capace di intendere e volere, che rappresenti il disponente in modo conforme alle volontà espresse, nelle relazioni con medici o strutture sanitarie; possono contenere altresì l'indicazione di una seconda persona di fiducia (cosiddetto "fiduciario supplente"). L'accettazione della nomina da parte del fiduciario (ed eventualmente del fiduciario supplente) deve avvenire con apposita dichiarazione, da allegarsi alla DAT, con la quale si deve esprimere anche il consenso al trattamento dei dati. Il disponente deve rilasciare al fiduciario (ed eventualmente anche al fiduciario supplente) una copia delle DAT.
L’incarico di fiduciario o di fiduciario supplente può essere revocato dal disponente in qualsiasi momento, con le modalità previste per la nomina e senza obbligo di motivazione.
 
DOVE  DEPOSITARE  LE  DAT
Le DAT vanno consegnate personalmente all'Ufficio di Stato Civile del Comune di Torri di Quartesolo.

Il disponente all'appuntamento fissato dovrà presentarsi con:
  1. dichiarazione di richiesta ricezione e deposito DAT compilata con nomina fiduciario e fiduciario supplente;
  2. duplice copia delle disposizioni anticipate di trattamento (DAT), sottoscritte dal fiduciario e dal fiduciario supplente;
  3. documento d'identità o altro documento di riconoscimento in corso di validità;
  4. tessera sanitaria/codice fiscale;
  5. dichiarazione di accettazione nomina del fiduciario, compilata e firmata, comprensiva di consenso al trattamento dei dati;
  6. fotocopia di documento di identità, in corso di validità, del fiduciario;
  7. dichiarazione di accettazione nomina del fiduciario supplente, compilata e firmata, comprensiva di consenso al trattamento dei dati;
  8. fotocopia di documento di identità, in corso di validità, del fiduciario supplente.
Tutti i moduli per la presentazione delle proprie disposizioni anticipate di trattamento (DAT) sono qui reperibili, nell'apposita sezione della modulistica del sito.
Per informazioni: Ufficio di Stato Civile
torna all'inizio del contenuto